Parrocchia di Santi Vitale e Agricola in Arena

Plantaverunt Ecclesiam Sanguine Suo

Settimana Santa 2020 nella Zona Pastorale San Pietro

SEPARATI MA UNITI NELLA PREGHIERA,

UNA SANTA PASQUA CHE NON SCORDEREMO

Nella situazione di emergenza che stiamo vivendo ci sembra opportuno segnalare gli strumenti che possono aiutarci nella preghiera a Dio Padre attraverso i canali di informazione televisivi o digitali.

 

DOMENICA DI PENTECOSTE

(Vespertina Gv 7, 37-39) – (Giorno Gv20, 19-23)

don-stefano-pentecoste

Carissimi,

è stato davvero bello, domenica scorsa, ritornare in chiesa e trovarla piena di grandi scritte colorate; con le iniziali dei vostri nomi abbiamo detto a tutti: “Bentornati!”.

Sono stato contento di rivedere tanti di voi, ragazze e ragazzi, che arricchite di speranza la nostra comunità e mi aiutate a capire e a trasmettere l’insegnamento del Vangelo.

Vi aspetto anche domani per celebrare la solennità di Pentecoste, per lasciarci anche noi riempire della grazia e della gioia dello Spirito Santo che, cinquanta giorni dopo la Pasqua, è disceso sui discepoli in preghiera insieme a Maria, la madre di Gesù.

 

ASCENSIONE DEL SIGNORE

(Mt 28,16-20)

ss-bartolomeo-ascensione-del-signore

Carissimi,

celebriamo la festa dell’Ascensione del Signore e finalmente si può riprendere a celebrare la Messa con la gente.

Sono molto contento perché durante tutte queste settimane di quarantena, celebrare a porte chiuse, senza gente, senza bambini, senza ministranti, senza coro, non sembrava davvero una festa. Ma non sarà una Messa come eravamo abituati fino a tre mesi fa. Lo capite guardando a quello che è già pronto sull’altare. Riconoscete tutti gli oggetti?

C’è il calice e ci sono le ostie, ma distinte: quelle per il sacerdote e quelle per i fedeli. Ci sono le ampolle con l’acqua e il vino; c’è la piccola brocca e il catino per lavarsi. C’è anche il detergente per igienizzarsi le mani, con i guanti e la mascherina. Ci sono anche i lunghi bastoni per la questua, così che si mantengano le distanze di sicurezza. Anche questo infatti è un modo concreto per partecipare alla Messa raccogliendo offerte per la comunità e per i poveri. Ma con tutte queste precauzioni sarà una Messa più bella o più brutta di prima?

Sarà bella come prima, e vi spiego perché.

Il pane e il vino che portiamo all’altare sono il segno della nostra offerta, al Signore. In realtà il Signore non ne ha bisogno, perché è lui che ha creato il mondo, la natura, la terra, il cielo e il mare. Però, da quando ha creato l’uomo, Dio non fa più nulla da solo, per condividere con noi la gioia della creazione. Per questo ci chiede di lavorare, di studiare, per moltiplicare con il nostro impegno i doni che ci ha dato, perché tutti possano averne in abbondanza e fare festa insieme.

Prima, eravate voi ragazzi a portare il pane e il vino, all’altare; ma ora avete ancora un’offerta da portare: portate l’impegno a non diffondere il contagio a offrire la fatica di portare la mascherina e di rimanere distanti. È un vera offerta gradita al Signore; un contributo alla vita e alla gioia di tutti.

E vi ringrazio perché, anche se per un po’ non riuscite a venire, siete voi a dire a tutti: BENTORNATI!

Buona domenica.

Buona festa della Ascensione e a presto.

 

 VI DOMENICA DI PASQUA

(Gv 14,15-21)

don-stefano-vi-domenica-di-pasqua

Carissimi,

finalmente il contagio del coronavirus sta calando e, con le necessarie precauzioni, possiamo cominciare ad uscire. Così da domenica prossima sarà possibile celebrare la Messa a porte aperte.

 In questi giorni ci siamo organizzati per predisporre la chiesa secondo le attuali direttive con l’erogatore per disinfettarci le mani e i banchi distanziati. Dobbiamo essere sicuri che non ci siano rischi di un nuovo contagio. Ma, oltre ad essere sicure, le Messe devono essere gioiose, soprattutto domenica prossima festa dell’Ascensione del Signore in cui siamo invitati ad “esultare di santa gioia”.

Per questo ho bisogno di voi, ragazzi e ragazze, perché tutti quelli che entreranno in chiesa si sentano accolti. Vi chiedo allora un piacere: disegnate su un foglio l’iniziale del vostro nome, e poi coloratela con tutta la vostra fantasia e abilità. Io, ad esempio, disegnerò una grande S, di tanti colori. Se riuscite a portarle in parrocchia, con tutte le vostre iniziali, facendomi aiutare dai Catechisti, comporrò delle frasi, per dire a tutti:

BeNToRNAti!

 V DOMENICA DI PASQUA

Gv 14, 1-12

don-stefano-v-pasqua-1

Carissimi,

stiamo ripartendo lentamente. Durante la settimana scorsa molte aziende hanno ripreso a lavorare, anche noi possiamo cominciare a uscire, ma occorre fare tanta attenzione per evitare che il contagio del coronavirus riprenda. Per questo anch’io uso la mascherina, anche in chiesa, mentre mi preparo a celebrare la Messa di questa che è la quinta domenica di Pasqua.

Non possiamo ancora ritrovarci tutti, ma vi ringrazio dell’opportunità che mi date di incontrarci anche attraverso questo video. A me fa molto piacere e sempre vi porto con me quando mi presento al Signore, particolarmente in questo momento della Messa, nel momento della orazione iniziale.

Vedete cosa tengo in mano? Un cesta! Per riempirla di che cosa?

Lo si può capire conoscendo il nome della preghiera che il sacerdote rivolge al Signore all’inizio dell’Eucaristia, dopo il saluto e l’atto penitenziale.

Si chiama “colletta”. Proprio così: colletta, che vuol dire raccolta. C’è la colletta alimentare, che si fa davanti ai supermercati, per raccogliere il cibo di chi non ha da mangiare; c’è la colletta di solidarietà per qualche iniziativa benefica e c’é la colletta della Messa, per raccogliere le preghiere. Le vostre preghiere. Quando io dico “Preghiamo!” non sono mai solo. Mi rivolgo a voi, per chiedere di unirvi a me, per pregare insieme. Faccio la colletta delle vostre preghiere, delle vostre richieste, dei vostri ringraziamenti, per presentarli al Padre, nel nome di Gesù.

 IV DOMENICA DI PASQUA

Gv10,1-10

don-stefano-iv-di-pasqua

Pasqua che rinnova

Carissimi,

la risurrezione di Gesù è la vera novità della storia: è cambiato il destino del mondo perché ad ogni uomo è data la grazia della vittoria sul male e sulla morte. La Pasqua ci fa rivivere, nei sacramenti e nella vita, questo grande rinnovamento.

A guidare il cammino delle nostre comunità cristiane, per essere sempre più conformi al Vangelo e più adeguati a rispondere alle esigenze della storia, quest’anno è la preparazione della visita pastorale zonale che il nostro Cardinale Arcivescovo ci farà da giovedì 8 a domenica 11 ottobre prossimo.

.

Vai al Bollettino Parrocchiale 123

 

III DOMENICA DI PASQUA

Lc 24,13-35

don-stefano-vestizione

Carissimi.

Busso ancora una volta alla vostra porta e vi ringrazio dell’accoglienza. Sono ormai varie settimane che vi mando un video come questo, spinto dal desiderio di stare un po’ con voi, per condividere la vostra gioia e anche le vostre preoccupazioni, che sono cresciute molto in questo tempo di coronavirus.

 

DOMENICA IN ALBIS 

Domenica della Divina Misericordia

domenica-in-albis-della-divina-misericordia

E’ la seconda Domenica di Pasqua, perché per la seconda volta il Signore risorto si rende presente in mezzo ai suoi discepoli, ancora chiusi nel cenacolo. Vi invito a leggere il bellissimo racconto del Vangelo che oggi viene letto nella Messa: dal Vangelo secondo Giovanni, capitolo 20, versetti 19-31.

 

DOMENICA DI PASQUA

 santa-pasqua

Cristo è risorto, alleluja alleluja

Finalmente è arrivato il giorno glorioso della risurrezione del Signore Gesù! La presenza del Risorto riempie la Chiesa e il mondo con la sua luce e la sua gioia. È cambiato il destino del mondo: non siamo più destinati alla morte, ma alla vita e alla felicità. Siamo sicuri che anche la pandemia del cronavirus sarà sconfitta.

.

VEGLIA PASQUALE

consigli-su-come-vivere-la-pasqua

Consigli su come vivere la Pasqua 

 

SABATO SANTO

don-stefano-sabato-santo

Il Sabato Santo è il giorno che Gesù trascorre nel sepolcro. Un giorno particolare dove regna il silenzio. È l’unico giorno dell’anno in cui non ci sono celebrazioni.

Ma non è un giorno senza significato, anzi! È l’immagine della storia del mondo, particolarmente dei nostri giorni: se ci guardiamo attorno vediamo solo vuoto e segni di morte; ma sappiamo che nel profondo la Vita è all’opera, come il chicco di grano nascosto nella terra: presto spunterà, fiorirà e porterà frutto abbondante.

 

VENERDI’ SANTO

Carissimi, è il Venerdì Santo, il gran giorno della croce, della morte di Gesù

schermata-2020-04-10-alle-00-12-37

 

SANTA PASQUA DI RESURREZIONE

L’invito del Cardinale: “Per la Pasqua addobbiamo finestre, campanili e torri. Rendiamo bella la città:

 

santa-pasqua-2020-o

Risorge il Signore, risorge la vita

 

——————————————————————-

Inseriamo un video con una introduzione alla Settimana Santa di Mons. Stefano Ottani per entrare nello spirito di queste Solennità.

mons-ottani-annuncio-settimana-santa

 

Sussidio della Conferenza Episcopale Italiana (33 pagine) per seguire i riti della Settimana Santa in famiglia.

 

I RITI DELLA SETTIMANA SANTA

DELLA CHIESA DI BOLOGNA

 

 settimana-santa-collegamenti-media

Iniziative diocesane: appuntamenti con sua Em. Cardinale Matteo Maria Zuppi 

 

Domenica delle Palme – 5 aprile

Benedizione dei rami d’ulivo, processione e Messa della Domenica delle Palme in diretta tv e streaming - Dalle 10:30 alle 12:00

Omelia di Don Giulio nella Domenica delle Palme

Giovedì Santo – 9 aprile

Messa del Giovedì Santo in diretta streaming - Dalle 17:30 alle 19:00

Venerdì Santo – 10 aprile

Via Crucis in diretta tv e streaming - Dalle 15:00 alle 16:15
Celebrazione dell’Ufficio delle Letture e delle Lodi - Dalle 09:00 alle 09:45

Sabato Santo – 11 aprile

Celebrazione dell’Ufficio delle Letture e delle Lodi - Dalle 09:00 alle 10:00
Messa della Risurrezione nella veglia Pasquale in diretta streaming - Dalle 21:00 alle 23:00

Domenica di Resurrezione del Signore – 12 aprile

Messa della Domenica di Pasqua in diretta tv, radio e streaming - Dalle 10:30 alle 12:00

Parrocchia di Santi Vitale e Agricola in Arena - [Amministrazione] Realizzato da INFORMATICA 37