Don Valentino ci ha donato la “Gioia di credere”

don-valentino-1

Perdona te stesso!

Così dice il Signore: “Ama te stesso come io amo te”.

Non ripiegarti sul tuo peccato. L’hai confessato? Non esiste più!

Vivi ora da risorto!

Scopri la tua bellezza, i tuoi doni, la tua unicità.

Io ho creato te con un’immensa potenzialità

di cambiamento, di crescita e di amore.

Grandi cose ora tu puoi fare, se credi in te stesso.

Non hanno importanza la tua età, la tua cultura,

gli errori che hai fatto, le persone che hai ferito.

Tu sei perdonato! Tu sei buono! Tu sei amato, nonostante tutto!

E quindi ama te stesso!

Fa’ fiorire i semi che ho posto dentro di te.

Comunica una vita nuova.

Tu sei tu! Non invidiare nessun altro al mondo.

Non rimpiangere la passata giovinezza, né l’età dei folli amori.

Vivi l’istante presente,

grato alla Provvidenza per il privilegio d’invecchiare.

Cogli in ogni attimo del tuo precario vivere

un frammento di immortalità, di vita eterna.

Tu sei temporaneo. Sei qui oggi e domani non ci sei più.

Ma oggi, oggi ti offro la possibilità

di una nuova esistenza che tu non meriti:

folle e illogico è l’amore.

Folle e illogico sono io, il tuo Dio, che ti garantisco:

l’amore non si merita, si accoglie.

Ama quindi adesso.

Non attendere che sia troppo tardi

a ripetere quell’unica frase che rende bello il vivere:

“IO TI AMO !”.

Valentino Salvoldi

 

don-valentino-2

Celebra te stesso

Tu meriti di essere celebrato.

Tu sei unico, irripetibile.

In tutto il mondo non esiste un altro come te.

La tua esperienza, i tuoi doni sono unici.

Nessuno può prendere il tuo posto in ciò che tu sei.

 Dio ha creato solo te così come sei,

 prezioso ai Suoi occhi.

Tu hai un’immensa potenzialità di Amore,

di dedizione, di creatività, di crescita, di sacrificio,

se tu credi in te stesso.

Non ha importanza la tua età o la tua cultura,

o se i tuoi genitori ti hanno amato o no

(può darsi che abbiano voluto, ma non hanno potuto).

Lascia perdere,

appartiene solo al passato.

Tu appartieni al presente.

Non ha importanza che cosa sei stato,

 gli errori che hai fatto,

 le persone che hai ferito.

Tu sei perdonato, tu sei accettato.

Tu sei buono. Tu sei amato nonostante tutto.

E quindi ama te stesso e sviluppa i semi che sono dentro di te.

Celebra te stesso!

Comincia ora, parti di nuovo.

Dà a te stesso una nuova nascita oggi.

Tu sei tu, e questo è tutto quello che devi essere.

Tu sei temporaneo. Sei qui oggi e domani non ci sei più.

Ma oggi può essere un nuovo inizio,

una vita nuova.

Tu non hai il dovere di meritare questa nuova vita,

ti viene donata gratuitamente:

questo è il miracolo chiamato Dio.

E quindi celebra il miracolo: celebra te stesso!

Ama adesso.

Non aspettare la partenza per dire: “Ti amo”.

Non aspettare la lontananza per scrivere: “Ti amo”.

Non aspettare la morte per esprimere con le lacrime: “Ti Amo”.

 

Valentino Salvoldi

Parrocchia di Santi Vitale e Agricola in Arena - [Amministrazione] Realizzato da INFORMATICA 37